Studio Eu-Osha sistemi di allarme e sentinella per infortuni e malattie

Home   /   Studio Eu-Osha sistemi di allarme e sentinella per infortuni e malattie

L’istituto EU-Osha ha pubblicato uno studio, denominato “Alert and sentinel approaches for the identification of work-related diseases in the EU“, inerente i sistemi di allarme e sentinella per l’individuazione tempestiva di malattie professionali e nuovi rischi.

Si tratta di materiale mediante cui l’Agenzia ha riunito esperti e responsabili politici nella valutazione di situazioni di sistemi di sorveglianza utilizzati nei Paesi europei.

La valutazione ha interessato settantacinque sistemi di sorveglianza utilizzati in realtà di ventisei Paesi attraverso un’analisi approfondita su dodici di questi. Tutto questo per fissare obiettivi, aspetti pratici, capacità nell’incidere sul monitoraggio e la prevenzione dei rischi riguardanti infortuni sul lavoro e malattie professionali.

Le parole di Christa Sedlatschek, direttrice Eu-Osha: “Malattie e infortuni correlati al lavoro costano all’Unione europea il 3,3% del PIL (ILO, 2017). Cifre alla mano, sono 476 miliardi di EUR l’anno che potrebbero essere risparmiati facendo ricorso a pratiche, politiche e sistemi adeguati in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Il nostro augurio è che questo progetto dell’Eu-Osha sia d’ispirazione per l’attuazione di sistemi di allarme e sentinella nei paesi che ne sono ancora privi.»

La relazione può essere sintetizzata attraverso le sue tre principali conclusioni:

– ciascuno ha punti di forza e svantaggi, non esiste un sistema ideale; ogni parte dovrebbe analizzare le altre per ipotizzare miglioramenti e nuove prassi;
– palesate mancanze sul monitoraggio di rischi emergenti o gruppi specifici di malattie multifattoriali o a lunga latenza, minore frequenza di programmi di monitoraggio che interessino settori come alberghiero, ristorazione, comunicazione, servizi informatici;
– fondamentale è la condivisione dei risultati delle esperienze; ovvero condivisione tra soggetti interessati alla segnalzione e chi è deputato a raccoglierle; tra organismi che si occupano di sicurezza e istituzioni sanitarie; condivisione internazionale tra gli Stati Eu.

Archivio News- Circolari

Privacy

Archivio Circolari 2018